altra via nella luce e nel buio

di yoklux

non mi pesano oggi le mani

sto qui vicino alla finestra

con mussorgsky ed i suoi quadri

un andirivieni di gazze e un pettirosso

più curioso di una donna, ho pensato

con delicatezza, ad immagini di vita e serenità

come fosse un presente dorato e tutto il resto

senza bruciature, bisturi, seghe:

ho sbeffeggiato la gravità, ho fatto finta di niente,

come se avessi dormito

sonni beati, senza frange scorrette

intoppi sfavorevoli, fraintendimenti. come

se tutto fosse irreale e posticcio.

come succhiare la crema del gelato

fermandosi alla cialda, preservando

la dolcezza per sempre, appoggiando poi la cialda

sul legno più caldo.

come non fossi mai nato, nè gli altri

morti e sepolti. la favola dolceamara

del far parte del gioco. le mie mani

oggi non mi pesano

e le tue?

 

Annunci