la mia bilancia

di yoklux

ho messo sul piatto della bilancia

quello che mi rende felice e nell’altro piatto

ciò che mi rende infelice:

la primavera assolata

la sinfonia numero 15 di shostakovich, la marmellata di fichi,

lei, il sarcasmo, le orme degli uccelli sul terreno,

mi rendono felice.

ebbene, tutto questo si mantiene terribilmente

in equilibrio coll’altro piatto, ogni giorno

che passa ha la stessa incantata ambiguità

non è né terribile né unico

perché il funambolo ne ha fatto un mestiere

dell’equilibrio

perché tutti i giorni si ripresenta

il miracolo dell’anomalia intatta

mistura di pece e candido

dimenticanza e centro.

ed allora il felice

complementare al triste

e naturalmente viceversa

appare come un poderoso terrapieno

così ho pensato con la bilancia in mano

e quando l’ho finalmente posata nella sua realtà

è balzata agli occhi anche la mia realtà con la sua

innegabile semplice semplicità.

Annunci