…senza titolo…

di yoklux

ho un attimo grande come tutto il mondo

per l’acqua ritornante (tutto ridiventa:

come il sangue dal donatore

l’ispirazione dal quadro fisso secolare

il colore dall’arcobaleno appeso, liquefatto come Dalì

le interiora in un pasto senza tempo, senza danaro) sembro

questa nuova consegna dall’alto

anche se prima o poi sarò, come regola, beato commiato-

oggi, giorno fulcro di schiamazzo temporale:

precipita l’acqua

ticchetta, preme

sulle foglie, i tetti,

idrata le rosolate marsigliesi

in fretta, picchietta;

sfiora per sua presenza

gli assi cartesiani del tempo, tormenta

per peso e sostanza.

forma corolla di puri umori fulgidi tardivi

corona turbolenta di vapore freddo, pigia sulla capoccia

calda, non fa

ch’evaporare qui: pioggia riconsegna

il sorriso candido

la mano umida di pace

che la terra da sola m’ha tolto

abbandonandomi

tra un’idea di cielo

e la radice bitorzoluta del seme nel fondo denso

ferroso, di lombrico.

ed io non sono pianta,

non dico-

anche se nessuno

crede. apparendo

e dormendo farò

l’idea che serve

a farmi ritornante

nella mente fredda.

Annunci