melancolia

di yoklux

malinconia di gazze arroganti, merli

malinconia cento mille volte e più

non tra quattro mura odorarla, ma

nel soleggiato muricciolo con le grida

attorno, urla sguiate e folli, subirla;

precipitarsi fuori, sotto alberi disadorni,

masticare i vuoti, sentirli immoti.

ricominciando da bambino i silenzi

e rinunciando da adulto i pensieri.

Annunci