alle stelle m’inchino

di yoklux

quei rari momenti di leggerezza

quei rari punti fermi, luminosi appartamenti

nel centro storico veneziano, quei puntini

luminosi accecano, rimbalzano sul cuore

come granella di stelle,

timbri di vetro dolce-

tuttavia la media quella luce

assorbe come un buco nero

l’imperfezione del gesto, del colore

anticipano l’opacità del cristallino:

l’immagine stempia, disidrata

non c’è tempo neppure

per il verso, la poesia.

così cade la lacrima

poi non serve più

anche dopo

nemmeno la superluna

è un aggiustamento.

Annunci