apologia d’amore

di yoklux

padre ogni tanto ti penso

scende una lacrima, non sempre

asciutto sortilegio.

rammento quando ce ne stavamo in laboratorio

per ore e ore segando e saldando

io a volte m’arrabbiavo

perché mi volevi insegnare

anche quello che già stavo scoprendo da solo

oppure ci stringevamo la mano

quando un apparecchio funzionava

una festa dai tratti dimessi, ma intensissimi.

non eri tanto generoso dei tuoi sentimenti

col contagocce centellinavi umanità

nelle piccole azioni

ma sei stato grande

grande grande.

 

 

Annunci