al figlio

di yoklux

terra e fiori
merli, corvi, tordi, passeri
tutti esseri, i loro amori
negli occhi del figlio nuovi
linde retine affamate
nelle manine come alette
che poco possono trattenere
ma tutto vorrebbero
tener strette,
Tutto nuovo, tutto differente
assieme io e te
piccola tenerezza ingenua
ed ingegnosa, all’aperto
viso scoperto, stesso sangue
ma diverso, nulla pare avverso.

Annunci