poesia yoklux

Luca Parenti, poeta a tratti. La poesia non è un museo delle cere e non è un pranzo di gala.

Mese: gennaio, 2017

lotta sconfitta tra classi straccione

quando mi dicono: lavora! produci!
mi viene prurito alle mani
oltre ai calli del martello e ai tagli
del freddo gelido
perché non m’arricchirò
e non sarò libero
come nella pubblicità
e non sorriderò abbastanza
come negli sceneggiati
non sarò accondiscendente
e maneggevole a sufficienza
non acquisterò desideri indotti
non potrò guardare mio figlio negli occhi
sarò la sradicata afflitta sconfitta
fiumana di genti africane e asiatiche
che mi inducono ad odiare ed emulare
per la rincorsa al reddito di sopravvivenza,
perché mi sarà scambiata
per un tozzo di pane
l’unica cosa di valore che posseggo:
il mio tempo. e se non potranno
abusarne sarò costretto
a perdere la mia identità
in un altro stato civile e capitalista
lontano da tutto quello che conosco
lontano dalle radici
dal mio passato
dal mio individuo.
civiltà nuova, luminosa e buona
della globalizzazione.

Annunci

esplosione muta

un sorriso mille parole
in rarefatta atmosfera

ione, particella d’energia
che non si spegne

ma che non torna.
come la fantasia

la maestria del canto.
stentato tabulato
del sussurrato:

a me dolcezza vieni
differente fammi percepire.

integro

ho mentito a me stesso
agli altri non interessa.
che l’integrità è cosa sola
per definizione, come casa. propria.
o poesia. o respiro. bugia! bugia.

politicamente belligerante

tanto tanto populista
il popolo che ama
soffre, genera, sgobba
rivoluziona, scoccia
produce, sul piedistallo
poggia, poi abbandona.
l’italico no, blatera
frigna e recalcitra, bisboccia
perché europeo a forza
accogliente
come un sofà lo stivale
sotto al sole
niente ad occidente,
probabile avvenire latente:
tutti la stessa litania ripetono
come se 1984
non fosse romanzo
ma quarto del manzo.
quanto populista
un popolo che spopola
fino allo svenimento,
s’arrotola nella frottola
della classe dirigente
che digerisce lentamente
come il boa la preda sua
fatalmente.
unica ideologia: il mercato
gente.

narcolessia

s’intravede il sentimento
disse un collega virtuale
del momento. ma a me
questo non sembra un portento:
più che altro
agonia, drenare lento.
il sentimento è sonnolento
quanto il pesce all’amo
che perisce affranto nell’intento.

impossibile impassibilità

tra noi
sento tensione
qual’era la previsione
passare il tempo
a singolar tenzone?
occhi lucidi
particolari trucidi?
perchè il tempo poi
farà l’evoluzione:
non ci sarà più
nè discrezione
nè invasione
il campo libero
per novella
generazione.

l’assenza c’è

le gazze vinceranno

infine

contro merli, passeri, pettirossi

e quant’altro.

la propensione

malsana al massacro.

le debolezze

son gemme promettenti

e ossidazioni dolorose.

marciano al sole armato

agostano

come panzer.

ingrati.

espressionista

così poco dormo
perdere tempo
in sbadiglio e farfuglio
non voglio.
ingozzarmi di Celine
Carver e Bukowski
parlando coi morti
vivendo dei morti, voglio.
nostalgia delle notti bevute
dei tempi vuoti.
passione sfrenata
ecco, il mio cavalletto
per il non detto.
ecco il mio lavoro
in aria piena, con tanta lena.

liberi

come son differenti le prospettive
io chiuso qua dentro al lavoro
tu in giro nella capitale
a farmi del male.
ci conosciamo appena
in dieci anni di pena
o dieci minuti d’altalena
importa niente
come al gioco.
ammorbiditi dal trascorso
siamo dello stesso lembo
strappo diverso.
sempre a tempo
a mettersi di traverso.

teologia del non credente

tutto è sacro
anche le foglie secche
sull’asfalto.
la percezione
il colore rosso
di ciò che sento
sotto e sopra gli alberi
dormienti.
abbiate cura
dei sentimenti
persino le azioni
li coinvolgono
pure quando e persino
se non amate.

amarezza d’anni e affanni

capita che l’amore
appaia disvalore
mancanza di pudore
evolvendo in scontro,
derisione. il pianto
viene insinuando
quell’abbraccio
quella stretta di mano
normale pretesa,
affanno. poi disattesa.
quanto contano le parole
dopo il sonno?
prostrazione: questo
un significato
non troppo celato.

a tarallucci e vino

niente da insegnare
poco e nulla di sogno
un quarto di responsabilità
un pizzico di vuoto
tanta tanta sobrietà
come crema spalmabile.
com’è amabile
il terminabile:
gioco a premi
che non prevedi.

La dimora del tempo sospeso

Non potendo cantare il mondo che lo escluse, Reb Stein cominciò a leggerlo nel canto.

amilgaquasino

A.A.A. Cercasi (un modo vecchio come il mondo per mettersi sul mercato)

Sogno Diurno

(la poesia è sogno diurno)

prima dei tasti sul cuore

Il territorio dell'agire poetico

Neobar

"Noi non siamo mai esistiti, la verità sono queste forme nella sommità dei cieli." Pasolini

contro analisi

il blog di Francesco Erspamer

Rosa Frullo

Rosa Frullo. Un poeta e un filosofo tra Spleen e Masochismo

Angela Francia

LA DITTATURA PERFETTA AVRA' LA SEMBIANZA DI UNA DEMOCRAZIA, UNA PRIGIONE SENZA MURI NELLA QUALE I PRIGIONIERI NON SOGNERANNO MAI DI FUGGIRE. UN SISTEMA DI SCHIAVITU' DOVE, GRAZIE AL CONSUMO E AL DIVERTIMENTO, GLI SCHIAVI AMERANNO LA LORO SCHIAVITU.

formavera

rivista di poesia e poetica

Non di questo mondo

Nel mio taschino c'è tutto quello che va conservato per non andar perduto.

Michelangelo Buonarroti è tornato

Non ce la fo' più a star zitto

Un cielo vispo di stelle

di Paolo Beretta

Memorabilia

Mille sono i modi di viaggiare, altrettanti quelli di raccontare.

sibillla5

forse poesia

scritture immaginali

blog di Giovanni Baldaccini

Paolo Valesio

A Plurilingual Site for Creativity and Criticism

salone del lutto

«Se tutti moriamo o ci perdiamo è perché il meccanismo del mondo si basa sull'estinzione e sulla perdita».

STEREONOMONO

Classic Audio and High Fidelity

Musica & Musicologia

Musicista non è chi solo suona ma chi anche pensa in musica

Nodi.Arsi.Sotto.La.Pelle

Essere altrove da memoria trafitta / come nube leggera di gravità arresa . / Essere pensiero bisbigliante e concavo / di pace bramosa in stallo fra le risposte. ©Runa

amina narimi

..con la fragilità che io immagino degli angeli quando spostano tra i fiori un buio d'aria

LIMINA MUNDI

Per l'alto mare aperto

Versante Ripido

Fanzine online per la diffusione della poesia

mezzaginestra

Cultura? Pop e piano, sir.

V E R S O - spazio letterario indipendente

letteratura contemporanea e sperimentale, spazio dedicato alla ricerca e alle novità stilistiche

Marco G. Maggi - Nuova Itaca

Se dall’onda del pensiero riaffiora qualche indizio riportami voce nei luoghi immemori dove nacque l'idea

Cultura Oltre

Rivista culturale on line

'twas my dog, babe

All'infuori di quel che manca, poi c'è tutto.

alessandrasolina

il mondo non è tondo

Zonadidisagio

Il blog di Nicola Vacca

Musica classica ieri e oggi

La qualità viene prima dell'esistenza stessa.

Controvento

“La lettura della poesia è un atto anarchico” Hans M. Enzensberger

Poesia Ultracontemporanea

Un'antologia permanente a cura di Sonia Caporossi

Assolo di poesia

Luca Parenti, poeta a tratti. La poesia non è un museo delle cere e non è un pranzo di gala.

Moll(am)y

Costringimi, ma lasciami andare. Vieni anche tu, se no faccio da sola!

Di poche foglie

Just another WordPress.com site

Mozart minore

La grande musica poco nota - das ist der dumste Brief den ich in meinem leben geschrieben habe; aber für Sie ist er Just recht.

Precaria

Una verità e una bugia usano la lingua allo stesso modo. Tutto porta a una scelta.

arcopoesia

Poesia trentina e non solo

Circolo16

Laboratorio di Scrittura libera poesia e narrativa

FRANZ

un navigatore cortese

Un'anima e tre ali - Il blog di Paolo Statuti

Just another WordPress.com site

blackamara

Just another WordPress.com site

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: