guizzo glaciale

di yoklux

gli uccelli malconci al nido
s’affannano. forse collassano
in voli zigzaganti di briciole in cerca,
semi, frutta. l’inverno non c’abbandona
così la fame. volatili cinguettanti
nell’arco del cielo ghiacciato
sono la colonna sonora
d’una indifferenza che è sopravvivenza.
ed il tempo balordo richiama forte a sè,
alla terra, al burrone, ossa e piume
dal nucleo viene attratto
come l’elettrone.

Annunci