intestino poetico

di yoklux

i poeti son tutti di sinistra
e sono un pochetto sinistrati:
hanno capelli incolti, strani copricapi
le poetesse hanno trucchi dark
pesanti, si vestono di nero
leziosi come i loro versi
alla Sexton, ma non sono Anne
nemmeno un’unghia della Sexton
non lo sono nemmeno a letto
nelle sciocche sedute elettroshock
probabilmente non sanno della gente
non gliene frega niente
son poeti che cantano, aulici al caldo
giovani carini baciati dal fato ispirato
dell`io intimo interno spirato.
i poeti dicono solo cose sagge
sono politicamente corretti
usano parole forbite e colorite
il loro è un flusso di coscienza
ma non sanno nulla della scienza
son letterati: la letteratura
non è maschia né femmina
è tutto ciò che non deve essere
l’impossibile irreversibile.
i poeti si raccolgono, si scelgono
s`amano: stanno bene assieme
se la suonano se la cantano
si riconoscono l’uno addosso all’altro
in salette raccolgono i loro versi
che poi vanno frettolosi di traverso.

Annunci