mi prendi per i capelli

mi prendi per i capelli
mio tutto che risplendi
hai rossetto ombretto
quel rispetto dei soffici
quegli abiti che indossi
per non farmi innamorare
ancor come allora.
è la giusta cauta tensione
che logora? lo sfilaccio
del tempo regge
nella caducità fragile
del prezzo?
anche gli oggetti amano
e contornano l’apoteosi
persino la pasta col sugo
segue le vie del canto
oh, mio dio è doloroso
il mondo senza la sua musica
come le note sono cicatrizzanti
come il rifarsi ricorda la vita.

Parole, parole, parole:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...