poesia yoklux

Luca Parenti, poeta a tratti. La poesia non è un museo delle cere e non è un pranzo di gala.

Mese: settembre, 2018

paralleli storici

diranno il paese è finito
eppure non è neppure
cominciato
quel fine ‘800
positivo in fermento.
non si calcola sulla carta
l’ingrato destino: il popolino
è migrato perché morendo di fame
nel buio delle miniere negriere
scelse di soffocare.
oggi vota più di prima
è grasso, sano, inciabattato
però il gioco s’è rammollito
non si fa più sul serio.
per non pagare più tasse
neppure più scopa
e la poesia? la poesia
segue a ruota: è un’inutile
soprammobile
per gente ignobile.
persino i critici
non son più criptici:
di democrazia strepitano
s’affannano ancora coi pugni alzati
slogan trapassati
quasi non fossero mai nati.

Annunci

*

la mia chiesa è neon
surgelati, pile di sacchi colorati
e migranti che spazzano
la mattina presto
le cooperative sono sante non pagano tasse
sono in larga misura di sinistra
quindi se ti danno quattro soldi bucati
non sei italiano o se lo sei allora sei uno sfigato
eppoi un calcio in culo
è tutto in regola
il job act è l’anticristo di Gramsci.
se dio esistesse
sarebbe già in strada col pugno alzato
recitando il vangelo col megafono
praticando la violenza sgrammaticata
dei senza tetto
dei bambini non scolarizzati
delle catapecchie dei quartieri appassiti
dei grandi urbanisti anni ’60 e ’70
visionari stercorari.

*

lo spread sale
mio padre è morto
le donne sono asso pigliatutto
vogliono figlio e mantenimento
il merlo è stato sfrattato dalla gazza
l`operaio dalla fabbrica
l`ideologia è andata via:
pare non ci sia l`alba
ma un continuo irrispettoso
lunghissimo tragicomico tramonto.
il maschio è un femminiello
con mascara e cipria
muto e palle mosce.
in mondovisione
va in onda la baraonda
avvizzita. quattro stracci
un panino ed un destino
scritto da fascio tecnocrati
lontani 1000 km.

gomitoli instabili

qualcosa non va
non funziona
la vibrante sensazione
del malfunzionamento
d’un dannato presentimento.
ti leggo nei fiori
sui tetti, nei comignoli
nei piccoli passi
nelle cene
nei dopo.
quando credo di possederne
dalle mani scivola via saponate
è la sensazione dell’incompiuto
del bicchiere mezzo vuoto
dell’incapacità del nuoto:
da una riva
all’altra
senza soluzione di continuità
in circolo
a baciarci i gomiti
come gomitoli
senza bandoli.

il menù è fisso

il cliente ha sempre
ragione
così sorridente
si spinge fra la gente
che non lo guarda
se non quando il carrello
cozza coll`altro al traguardo della cassa
lungo corridoi di freddi neon
e congelatori a manetta
cassiere d`africa, asia e americhe
clienti idem
così si rispetta
il fluente meticciato
dalla politica moderna
sdoganato
e tutti si compra
lo stesso manicaretto
insapore surgelato.

*

i supermercati
son i nuovi luoghi deputati
a far la rivoluzione
terrore dei capitani d’industria
che farfugliano d`opere grandi
e cemento sgretolati.
apparirà la segreta trama
d’acciaio temperato
quel groviglio d’interessi sterminati
nei palazzi del potere
verminaio.
largo al popolo
che sa di vuoto
come la città d’agosto.

*

cosa
colpisce il sole
irrora e colora la sola superficie?
o come il diamante della corona
s’incastona, come l’elettrone raggiante
scorre all’interno del nucleo
per divenir fotone o raggio gamma
che plasma a forma nuova
collide e squadra i riflessi
deterge e infonde, deflagra
o squassa e genera nuova luce potente
nei sottostanti piani
come bagna la strada l’acqua degli idranti
in tubi fessure e crepe
ma poi s’ingorga e defluisce?
cosa colpisce il sole
oltre i capelli, la fronte
fronde di un’anima che si tinge
cosa soffonde le impronte?
di un nuovo mostrarsi ed irradiarsi
che non derubi e non deturpi
questa pace non distante
estate ch’innanzi avanzi.

*

i turbamenti d`una vita
sono l`ufficio, l`officina
il mutuo della casa
uno sguardo trafelato
al pomeriggio tra le prime
quattro ore e l`altro gruppo di quattro
che farebbe otto
ma anche nove o dieci
voglia feroce
di farsi amare
dal caporeparto.
la sera stanco annoiato
sei turbato davanti alla tv
non ci son più
le mezze stagioni.

*

lei faceva vita da night
la dava via per 500 euro a notte
prezzo dell’amore
in parte intellettuale
baci sul collo
quasi delle cotte
dolci parole.
veniva dalla ex unione sovietica
conosceva la grande tradizione russa
il balletto sublime di djagilev
prokofev ed il lupo
di shostakovich l’operetta
e la sua passione per il motivetto popolare
l’orecchiabilità della canzone orientale.
una troia colta
per niente banale
me ne innamorai per dieci minuti
giusto in tempo
per depotenziarmi d’erudizione
di fronte al bancomat
che gretto e saggio non volle
sputare tanti e tutti i contanti
per anni a venire.

quelle rare sommità

scampati all’aria nera dei tanti
accolti non esitanti
ci siam accampati nella casetta fra i rami
io, te e il bambino più vicini ai raggi
come eterni elementi specchianti
quel sole che muove il suolo
modella pur i fanghi, li sospinge in alto
come nella cattedrale i severi
ma sublimi cigli fra i migliori a cercarsi
traslando nelle più nobili forme
nuovi usuali e meno materiali
migliori li plasma
come nel sangue piastrine, globuli
ferro e vigorose vitamine
li rilancia nei picchi
quando l’equilibrio è già pieno
in un eterno cielo sereno
capita quella volta e soltanto
in quel tempo dato e limitato dal fato.

*

mi chiamo fuori
da questo gioco al massacro
coi suoi palliativi
i suoi pensatori sensitivi
voglio una casa di legno
sulla collina
una quercia
un ruscello
la natura così com’è
e non tutta la sovrastruttura
del ce lo chiede l’europa.
non sono e non decido
son corrente
preciso preciso
ho male alla pancia
gli occhi gonfi
la mani secche come raspe
mando giù ogni giorno
le pastiglie del sistema
acconsento
sono il mio tormento.
alzare il mento
guardarsi negli occhi
smetterla di sperare
sarebbe atto rivoluzionario
nel clima bonario
del non gentile settembre
che pare agosto.

bucolica scampagnata in zona industriale

la puttane negre
t`inseguono veloci gazzelle
sino alla siepe non più verde,
bacini, rumori anali
culi infranti, olezzo di sudore
vogliono quella manciata d`euro
quel che io guadagno
forse in un giorno:
son povero
non l`avevo mai scritto
or che lo sento e tardivo lo scrivo
mi vien d`esser violento
ma anche lento:
le idee rivoluzionarie
son chiaviche purulente
per gente pungente
del fu sinistra.

*

siam cavie sempre:
in corso
l’esperimento
come un dolce caldo vento
il sociale e le sue regole
verranno ribaltate
da software e controllo
digitale: il fascismo
non si ripresenterà
coll’elmetto, guerriglia
olio di ricino
asino e carota.
ma con l’assentire
del vivere
nell’agio.

*

giocano i bambini nel cortile
si rincorrono, urlano
la palla rimbalza
vivono di bambole e display
rotolano il tempo nemico
di scherzi e baruffe
s’inseguono energici spensierati
i rumori delle scarpe
da ginnastica fanno da segnatempo
ogni balzo un sogno
che distante s`avvererà
dalla santa ricreazione.
è che i giochi son fatti
appena siam nati
pedine della dama
alfieri degli scacchi
piccoli segni sul tronco:
la corteccia s’incide
ma l’albero non muore
dopo la durezza del gelo
con possente nuova lena
rifiorisce in primavera.

mai così vana

non tace mai
la soavità della voce tua
e la speranza che loquace
rinverdisce azioni e colori
diversi, accorsi e ricorsi
come della natura i violenti
morsi. e le brigate della costruzione
della disfatta, che la terra rinvigorisce
in tuono, appassisce in folate, pare distratte
al contrario sagaci, puntuali, dorate
quando i pensieri umani son limitati
limitanti, limiti dello squadrismo asettico
della cultura, balbettante impalcatura millenaria
che non cancella il furore biologico
la violenza insanguinata, forse
l’arretra d’un millimetro ogni lustro.
non tace mai quella voce
l’interpretazione sua
mai così vana, così lontana.

nostri poveri figli degeneri

morti stupidamente per strada e in carcere
senza nome, senza età, coi diritti sospesi
poveri figli emaciati e lividi coricati d’asfalto
fuliggine di marmitta, odore di chiuso, miasmi.
glaciali inferriate, cancelli che per sempre la voce
serrano nelle stanze sorde e quadre di cemento disamorato
figli d’una manciata di maria, coca o ubriachi di vino, whisky
vessati, malmenati, straziati, percossi, ultimi e mai arrivati:
figli del mondo di millenaria civiltà, finiti nelle grinfie sorde
opache, del male assurdo e cieco che per sempre v’ha privato.

*

la nostalgia
ha sradicato i ricordi
i nostri poveri minatori
fra questi. ora
non vi sono più miniere
ma abbiamo tanti buoni sentimenti
sui social e tutti scrivono poesie
che servono miele e americanismo
(si scrive d’amore
anche quando si va al cesso
o si hanno i crampi
o i calcoli
sciolgono i reni negli urli).
il nostro popolo
è il più grande
denigratore di se stesso
non dobbiamo essere cattivi
ma nemmeno troppo buoni
non possiamo svendere secoli
di bellezza e cultura
a quattro analfabeti
ed a una sovrastruttura burocratica
insensata, mai votata e forse
questa sì fascista.
io vi ho avvertito
ora potete ricominciare
a fare foto sfuocate
abbinate a frasi di zucchero.

allegoria

un’allegoria della vita
la poesia: azioni i versi
le strofe anni impilati
il verso libero un’irruzione
della realtà, l’endecasillabo
il feroce tentativo del calcolo
il desiderio di un’armonia
che si porti via l’approssimazione
la tensione: l’immedesimazione
nell’arte ti mette da parte.

i suoi primi novant’anni

cazzo se mi preoccupa il dolore
ne ho una paura fottuta
al minimo acciacco
giù d’antidolorifici
ansia e terrore
ho visto le facce stravolte dal dolore
dei miei nonni sul letto di casa
il viso giallo smunto di mio padre
e non vorrei fare la stessa fine
ho un timore ancestrale
e poi sopportare cosa, perché?
non c’é alcuna redenzione
dei peccati espiazione.
io non credo a dio
non mi convertirò a qualche setta
negli ultimi minuti
alla luce in fondo al tunnel.
resta l’illusione
spacciata da media e capitale
che la vecchiaia non incominci mai
che ad ogni anta
si ricominci da capo.
la realtà più diffusa d’ogni baraccone sognante
è il dolore
ed io non l’accetto
e non accetto una vita che non finisce
la demenza, il pisciarsi e cagarsi nei pantaloni
col pannolone come un bambino
e le gambe che non portano più su un prato
a leggere sognante la natura megera
le sue schifose regole.

*

gli alberi più splendidi
i cipressi
alberi pizzuti
i morti non disturbano
non solleticano i piedi
dei cadaveri
vanno dritti dritti agli inferi
verticali come fusi
ascensori discreti
diretti.
che alberi stupendi
affusolata flora
robusta di vita
splendida di clorofilla
presagio di fine corsa
nel paesaggio d’uomo
sopravvive e giganteggia
quiete e sempreverde
che delimita, cipressi
così vivi fraintesi
nella pace del per sempre.

i senza titolo

a tutto ho dato titoli
mi son sforzato
come il palestrato coi pesi
per un nulla, intessuti
di nonsense, sarcasmo.
ora lascio l`indeterminato
l`asterisco, che credo
mi porterà fortuna
non sviando la lettura.

*

Roma caput mundi
città del marmo candido
di sangue eterno e madido
e dell’incollato scranno
del burocrate santo
pinzimonio der politico
cinica sovraesposizione
di luce scintillante
magistero del clero
cinismo, saggezza, cultura
sapienza. sublimi e popolani
insalubri vicoli di pietra
dove Caravaggio ammazzò
affamato di fama
per ispirazion di quadro
Roma hai conosciuto i millenni
d’apoteosi e saccheggi
bombardamenti, arte
due volte lanzichenecchi
l’assassinio d’un poeta
e la grande bellezza
che tutto attanaglia
libra di luce e china,
reiterato sacco
non ti pose in scacco
ma salasso.
Roma capitale
del mondo in fiamme.

*

questa corona di spine
che dall’alto cade
come un premio non voluto
questo mare d’uomo
che spinge da dietro
per tornarsi a respirare
questa pulsione di quiete
che miete. la stanza
è abitata da troppi
ma inganna il tanto rumore:
una spanna alla volta
sale l’attimo di splendore
io ne ho il sentore
nelle orme dei padri
nel sacrificio delle madri.
nella terra dei santi.

*

l’insorgenza del buio
non cauterizza ma riposa
l’insorgenza della rotazione
genera illusione anche a posteriore
padre che ami tuo figlio
padre che hai amato
nulla il tempo perdona
neppur il cambiamento
dalla luce cieca alla notte orba
e viceversa: si tinge di suono
l’oscurità che discreta conta
anche nella feritoia del cambiamento
a nulla può la lungimiranza
del canto e neppure opacizza
nulla può l’eleganza dell’esperienza
oppure tutto può generosa
rimestando di forza ed imperio
nel refrigerio illuminante
della mente che labora
et ora.

*

invidioso della quiete
degli uccelli in volo
io non ho ali
ma nel caso le trovo
nel turbinio del sentimento
nel facinoroso intelletto:
l’idea di rimaner a terra
tutta una vita, dal parto
alla lapide come fabbricare
e disfare ogni giorno
senza sperare, oppure
troppo. che il troppo bene
fa male e l’aria è neutra
pesante. l’idea infine
di spiccarlo il volo
guardarvi dalle altezze
più lontane dal rumore
della macchine, delle auto.
zampettando nel cielo pulito
fra nuvola e nuvola.

*

imbastiamo il tempo a levare
come il senso trascendere
riprovando e ritentando
come nell’aggiunta delle note
la corona, l’accento.
michelangelo insegna invece
che sta nel levare il sublime
scavando il fondo del marmo
per mistico sopraelevarlo.
ma io scultore non sono
aggiorno alcune parole
alla volontà del mio sogno
e creo illusione ed allusione
pure una profonda delusione
nel tentenno, dubbio profondo.

invisibilità

l’invisibilità può
esser virtù
nel mondo
traslucido, pornografico.
considerate del cuore
il sismografo: orafo
cesellatore di picchi
ed abissi. nel mezzo
c’è vita che non abbaglia
ma signoreggia.

pomeriggio d’educazione

il pacato settembre inebria
d’educata attesa la sosta
quando fanciullo correvo
di qua e di là e ora, adesso
sull’albero quel disteso verso
la quiete e il modo nel mondo: tutto
non si comprende in un sol colpo
se l’esistenza non fosse lenta spirale
dal centro del tutto marcia lenta
di tenui e delicati tardi pomeriggi
estate scemante
ed educare, educarsi al quieto
battere. e tendersi come ramo al vento
o la brezza, nella placida flessione
allontanarsi da quel centro disassato
e moltiplicarsi, trascendere
modificazione mutua attesa.

elastico nel ring

tu scavi la roccia
con la tua forte
scocca e a me scoccia
la deriva autoritaria
della storia nostra:
a memoria la boria
è tutta tua
mia la noia.

calcoli errati

quando rene cede
si contorce e punge come sciabola
e nemmeno la posizione fetale
dona attimo di tregua alla mente
s’arrotola il corpo nelle coperte come sudario
e ci s’alza e ci si siede e i denti digrignano
e dalla bocca escono parole violente e volgari
ed indifferenza per ogni cosa del mondo
si ha bisogno d’oppiacei
un ago infilato nel braccio
distesi su una barella
il minimo conforto dell’ infermiera
il dottore che ti dica tra poco starai bene
sono quei maledetti sassetti
cristallizzati immobili nell’addome
come un castello di sabbia sulla riva
solidificazione del peccato
espierai bevendo molto
acqua oligominerale
e dieta leggera come aria
come prima d’ora mai.

tu sei romantica

romantica città d’inizio millennio
mare di brutale asfalto e cemento
tombini stipati di terra e foglie
bidoni bruciati ed insanguinati
antenne piegate e frustrate
sei mare di condizionatori rombanti
vociare d’asiatici e africani dialetti
odor di diesel e maccaroni al sugo
curry, paprica, riti woodoo e coriandolo.
sei morte giovane per strada nei vicoli
forze brutali, distintivi sfuocati, negata giustizia.
piegano l’immobile spazio tempo
di grasso, smog, shaboo & spread
poderose lucide auto blu predatrici di stato
sfrecciano all’incasso nelle guardinghe buchette
d’operai di destra, populisti in pensione:
finito lavoro finita festa.

anima dove sei

sempre incazzati poveri cittadini votanti
tante libertà d’averle dimenticate
possono ciò che vogliono, ma non fanno
la domenica degli acquisti col carrello
l`anima fra gli scaffali e i lamenti incontrano
in bella mostra senz`ossa, senza muscoli
senza nient’altro che ciò che non serve.
cittadini rompete il pensiero unico.

città

la cataratta della città puttana
così accogliente
che si divide in ghetti inetti
dove siete oratori
del buon costume
della tolleranza
dell’ospitalità
i padroni del discorso
del di qua canceroso

quando la benzina
della metropoli s’incendia
deflagra come gpl sull’autostrada
per il mare
e fuma lapilli la periferia
di grasso nero
vernice spray, varechina
scintille, bitume, diserbanti, veleni
e curcuma
mafia cinese e nigeriana
e sacrifici africani
con cadaveri squartati
e gente senz’arte né parte
che vivacchia
pretende l’elemosina
coi cappelli nike
questo mondo finirà
non so in che memoria digiuna
se resetterà in un hard disk
o squasserà dall’interno
come un corpo celeste
che ha finito di incendiare se stesso
per tornare campi e terra da amare
o terra arida battuta e salata

ma terminerà ed imploderà
ai piedi della grande statua della libertà
in un immane storico bombardamento a tappeto
d’uranio impoverito.
viva i volenterosi democratici
tolleranti e laici
viva la città di ferro e cemento
ferma agli anni ’60
incenerita d’arroganza
e noncuranza. urla
della politica muta
e dagli ipocriti figli di nulla
e sacchetti per la spesa
che seguono.

stipendio

scrivono tutti d’abbracci
come fosse obbligatorio
di luna amore soddisfazione
cuore sospensione calore
carezze, come diavolo fanno?
lo fanno perché si vendono
ai saldi d’ogni fine stagione
e ragione hanno o no
si sentiranno integrati
o caporeparto diseredati
ma io non voglio farlo
non sono comunista
nemmeno fascista
né laico buonista
la spesa la faccio per me
penso alla mia famiglia
i vicini mi stanno sul cazzo
non voglio sorridere
come dirvi buongiorno
son quello che sono
non quello che vorreste
fanculo e buona giornata.

no, non posso crederci

————————–da un’idea di Al

non credo a c’è il sole
tutti i giorni di sole
al mi piace purché piaccia
al rutilante baraccone
della pubblica commemorazione.
non credo alla poesia rosa
ed alle intermedie sfumature
d tedio e grigio dei versi
con bianco nero cartolina,
al se fossi stato un uomo
non sarebbe successo
da starnazzanti miliardarie urlato
non credo ai benestanti fruitori
dei diritti universali, benpensanti
e agenti malamente
non credo alle ideologie son tutte
manifestazioni dello stesso
luciferino e mostruoso potere
che sangue e grasso vuole
e ogni giorno ha
complici fanatici disposti
al martirio degli altri.
non credo al magico mondo
della concorrenza nuova
straordinaria scienza che tutto guarisce
non guarisce nulla, i ponti crollano
lo stesso, non credo a tutti quei volontari
anime belle manipolate tatuate bucherellate
non credo a tutte questa perfezione diffusa
che se la canta e se la suona
non credo alla chirurgia estetica
che brutalizza tessuti vivi
e cuori morti
non credo ai buoni sempre
campioni umani con villa sui colli
non credo al capitale
alla finanza internazionale
anche perché sono povero
il mio tempo è donato pressoché gratis
al datore di lavoro, ai suoi manager superiori
dovrò lavorare sino al disfacimento del corpo
e della mente, se non mi ammalo e muoio prima
riceverò un orologio e una pacca sulla schiena
(un tempo: ora non ti danno
l’orologio). non credo nello stato
che si elegge da solo, ai burocrati laidi
che sopravvivono anche alle guerre nucleari
non credo a tutta questa capacità di renderci umani.
eppure del capitalismo non saprei farne a meno
della santa possibilità di uscire di casa e dirigermi
al primo supermercato anche la domenica
e i giorni festivi e la notte
trovarmi di fronte all’apoteosi di colorato e splendido scatolame
a basso prezzo, tutto perfettamente impilato
organizzato come in nessun altro luogo
l’ordine e il fresco sovrani
l’inconsistenza del personale:
all’acquisto felice e soddisfatto
sprizzo entusiasmo
persino lussuria
sono uomo libero
che andarsene a letto vuole
dormire sognando e dimenticarsi.

i diversamente amanti

stasera torno prima
lei dice
una giornata fiacca
lui annuisce al telefono
ma non ci crede
impercettibilmente
non sorride solo il suo cervello
pure le labbra si muovono
ed abbozzano un ghigno d’animale ferito
è così difficile viversi addosso
ogni giorno
è gioco di scacchi, dissolvenze
incrociate, arrivo alle sei
lei continua
va bene, ti aspetto
lui risponde tenero.
è così: a domanda risposta
lui la fa a lei
e lei gli dà quello che vuole
ma a volte no
quasi mai.
così diversi
d’apparire uniti.

sole

stravolge l’animo
per sottrazione il sabato
l’ingombra di spazi liberi
acqua cheta, immaginazione
libera finalmente, approvazione
il giorno dei rombi in azione
civili e aeronautici, notte
prestata ai fumi etilici
popolo schiavo gozzovigliante.
tanta voglia di ridere
nasconde una profonda
infelicità? quando mi porgo
le domande migliori arriva poi
il sole, entra dalla finestra
nessuno l’ha chiamato
e non è neppure questione
di buone maniere, io voglio
quel sole, con tutto me stesso.

lungo i corridoi

quando donne sbarazzine di percalle
indossano vestitini fatti per spogliarsi
quando son serie
fissano con sguardo cinico
professionale asettico organolettico,
quel filo di trucco
che ne potenzia prepotenza
e lascia di stucco
ma per te son già distese lascive
sul letto, carne che riscalda
questo caldo già inferno
quando le donne
son quella macchina del sesso
di cui non puoi trovarne il nesso
allora la potente erezione
ti terrà nell’infuocata tensione
del prossimo incontro
lungo il labirintico corridoio
tra un ufficio e quello dopo
tra un capriccio
e quello che segue
che primo non è più
nemmeno ultimo
eppoi non c’è differenza:
il sensuale diviene penitenza
come grottesca sentenza
ed il meetoo non va né su né giù
anzi sembra non ci sia più.

ereditando

quando ti muore il padre
e sei un uomo fatto e forte
ripensi a quando ti disse
che aveva fatto un buon lavoro
con te, che era orgoglioso
che tutto sommato un’esistenza
da operaio è meglio del politico
o capitano d’industria:
la mattina ti devi poter guardare
allo specchio senza che vada
in frantumi. per il digiuno
dei sensi di colpa. per
la sete di giustizia che sta dietro
ogni angolo di una casa rispettabile
d’una famiglia forte, parole che oggi
vengono meno come l’intonaco
e i muri millenari. casa e famiglia
si sciolgono come neve al sole.

l’urlo del brutto

i ponti uniscono
scavalcano la pietra
incutono timore a apprensione
parlano di tecnologia e visione
e son guadagno in differita:
coll`appoggio
del politico compiacente
dell’ideologia di plastilina
e un tirante pagato dai padri
nei decenni del boom
franano i ponti, fanno brruumm:
fior d`architetti
ingegneri non geniali
ma nemmeno troppo inetti
calcoli e risparmi
d’antiestetici cementi armati
una fiducia eccessiva
nella mano progressiva
e una dolente nota approssimativa
di domani è un altro giorno, si vedrà:
si noti che il brutto dentro
è assai luciferino
pur dei morti si compiace
le azioni dell’s.p.a.
vanno al più presto ripagate.

scanzonati

la riviera umida e salata
schizofrenica illuminata
è dei vecchi grinzosi
e pingui
che solcano la sabbia bagnata
come scafi arenati
e mimano ballerini di samba
con occhiali da sole
e permanente ovattata
tutti son felici
tutti, anche quelli che non sorridono
ho veduto i bambini
giocare colla plastica colorata
nella sabbia rovente di filtri e tappi
trascurando loro malgrado
cosa diventeranno:
a nostra insaputa
facciamo il tempo nostro
come lo spazzolino
o la lavatrice
giriamo e rigiriamo
come pollici opposti
senza arrivare
in un luogo sicuro
ma dove sarà silenzio e buio.

bollore

ti raffiguro senza figura
coi lineamenti belli
d’una mitica struttura
ch’è pura la mia cura
ed ancora un’àncora
che pur nella profondità
è lieve come un arco in cielo
tutto colore, come amore.
è tutto mio quieto bollore.

oltre all’arcobaleno

me ne tornavo stasera a casa solo
e un arco di colore in cielo non vissuto
nella pioggerellina autunnale dolce e velata
possedeva il creato come un dominus.
tutto molto poetico e spirituale ancestrale
ma poi ho pensato a come il corpo
si gonfia, spande, coagula, umetta
spruzza e secerne. poi annerisce
bluastro e sfuocato si sfalda
come l’umida cialda, il gelato sciolto
dissolto, ho pensato a miliardi
di piccoli organismi all’opera
nei piedi, negli intestini e nel cranio
a mangiare e defecare come nelle migliori
famiglie della buona e media alta borghesia
che si rispetti. ecco dove finiscono le parole belle
i sentimenti, lo struggimento, l’odio e l’amore:
la lotta di classe ricomincia nella lenta putrefazione.

col carro animato

mi sento così vivo
quando odio tanto
neppure ho messo
il guanto dal gran
sentito farsi, disfarsi
e mostrarsi leggiadro
il sentimento. fui solo
alienato e stanco-
stanco del lavoro
dell’incessante lavorio
del capitale industriale-
nemmeno è gradito
il pentimento: una volta
odiato non si torna
sul seminato. si procede
col carro armato.

…ehi, lassù qualcuno mi ama…: Libri amArgine: La Musica e la Fica di Luca “Yoklux” Parenti (e book omaggio scaricabile gratis) — almerighi

Luca Parenti, qui in una foto del 1925, nasce a Bologna 42 anni fa, oggi tecnico elettronico, curioso umanista e cinico antropologo, creatore di versi che non pretendono d’ordinare il caos, ma anzi tentano disperatamente d’amplificane gli effetti e soprattutto d’ironizzare sulle diffuse ed illimitate tragedie quotidiane. Ha vinto nel 1997 il VI Concorso Navile […]

via Libri amArgine: La Musica e la Fica di Luca “Yoklux” Parenti (e book omaggio scaricabile gratis) — almerighi

chemio

la chemioterapia è come altre una teoria
dicono alcuni un romanzo
delle titaniche case farmaceutiche,
degli incurabili mali internazionali
delle più potenti multinazionali. ci si mette
tutti madri tutti padri tutti figli
uno di fianco all’altro paralleli infedeli
come fratelli o amici che pisciano lontano
una gara a chi sopravvive di più
e ci sono le mogli vicine
a volte amici, ma raro:
l’amicizia svanisce di fronte alla morte
non i figli, né le compagne
ma sono come pesanti zaini
su per le strade di montagna
c’è chi arriva in cima, altri si gettano
pesanti zavorre nel baratro della notte.
io li ho visti per pochi minuti infiniti
sentito gli odori melliflui dei disinfettanti
e come tanti passanti passati corso giù per le scale
trombe naturali insensibili e stonate
per continuare a sembrare vivo lontano.

CONCORSO NAZIONALE UN MONTE DI POESIA

CONCORSO NAZIONALE UN MONTE DI POESIA - poesia in terra d'Amiata -notizie sul bando e archivi poesie premiate

Francesca Dono ilgrovigliodeirampicanti

al poeta l'ignoto e un'ombra nascosta in ogni stanza

La poesia e lo spirito

Potrà questa bellezza rovesciare il mondo?

LIMBRANAUTA

Il Funerale della Letteratura!

Pino Soprano

La neutralità favorisce sempre l'oppressore, non la vittima. Il silenzio incoraggia sempre il torturatore, non il torturato.

CRITICA IMPURA

LETTERATURA, FILOSOFIA, ARTE E CRITICA GLOBALE

"...e poi Letteratura e Politica"

La specie si odia. E mi permetto di aggiungere: "A volte di coppie non si può parlare, ma d'amore sì; altre volte di coppie sì, ma non d'amore, e è il caso un po' più ordinario". R. Musil, 'L'uomo senza qualità', Ed. Einaudi, 1996, p. 1386. Ah, a proposito di 'relazioni': SE APRI IL TUO CUORE SI TRATTA DI AMICIZIA. SE APRI LE GAMBE SI TRATTA DI SESSO. SE APRI ENTRAMBI E' AMORE

I lacci che legano

Vivi le domande ora

bogpan - блог за авторска поезия

блог за авторска поезия

Marco G. Maggi - Nuova Itaca

Se dall’onda del pensiero riaffiora qualche indizio riportami voce nei luoghi immemori dove nacque l'idea

Quanto basta...

Riflettere, condividere pensieri. Senza esagerare. Quanto basta...

UNO STRANO POETA

Quando la poesia incontra la vita di un ragazzo

Giuditta Michelangeli (tra versi e prosa)

Scrivo per passione e per noia, scrivo per passione annoiata. Lo pseudonimo è uno strumento ed è confusione, è uno strumento per confondersi. ("Sii sempre un poeta, anche facendo prosa.” - C. Baudelaire)

Unterwegs

In cammino

sovrasenso bisbigliato

"quando ti sono postuma ti ritrai negando il nesso tra suono e pensiero pensato." (Anna62)

Brezza d'essenza

Quando scrivo dimentico che esisto, ma ricordo chi sono.

ilcollomozzo

FU ALL'INIZIO UNO STUDIO. SCRIVEVO SILENZI, NOTTI, SEGNAVO L'INESPRIMIBILE. FISSAVO VERTIGINI. A. R.

Parole & Carriole

Poesie D'Amore e Trucioli Di Libertà

amilgaquasino

A.A.A. Cercasi (un modo vecchio come il mondo per mettersi sul mercato)

Sogno Diurno

(la poesia è sogno diurno)

Neobar

"Noi non siamo mai esistiti, la verità sono queste forme nella sommità dei cieli." Pasolini

contro analisi

il blog di Francesco Erspamer

Rosa Frullo

Rosa Frullo. Un poeta e un filosofo tra Spleen e Masochismo

Angela Francia

LA DITTATURA PERFETTA AVRA' LA SEMBIANZA DI UNA DEMOCRAZIA, UNA PRIGIONE SENZA MURI NELLA QUALE I PRIGIONIERI NON SOGNERANNO MAI DI FUGGIRE. UN SISTEMA DI SCHIAVITU' DOVE, GRAZIE AL CONSUMO E AL DIVERTIMENTO, GLI SCHIAVI AMERANNO LA LORO SCHIAVITU.

formavera

rivista di poesia e poetica

Non di questo mondo

Nel mio taschino c'è tutto quello che va conservato per non andar perduto.

Michelangelo Buonarroti è tornato

Non ce la fo' più a star zitto

Un cielo vispo di stelle

tentativi di prosa e di poesia

Memorabilia

Mille sono i modi di viaggiare, altrettanti quelli di raccontare.

sibillla5

forse poesia

scritture immaginali

blog di Giovanni Baldaccini

Paolo Valesio

A Plurilingual Site for Creativity and Criticism

salone del lutto

«Se tutti moriamo o ci perdiamo è perché il meccanismo del mondo si basa sull'estinzione e sulla perdita».

STEREONOMONO

Classic Audio and High Fidelity

Musica & Musicologia

Musicista non è chi solo suona ma chi anche pensa in musica

Irene Rapelli's writing

(Il cielo stellato dentro di me)

Cipriano Gentilino

VERSI NEL RETROBOTTEGA

LIMINA MUNDI

Per l'alto mare aperto

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: