città

la cataratta della città puttana
così accogliente
che si divide in ghetti inetti
dove siete oratori
del buon costume
della tolleranza
dell’ospitalità
i padroni del discorso
del di qua canceroso

quando la benzina
della metropoli s’incendia
deflagra come gpl sull’autostrada
per il mare
e fuma lapilli la periferia
di grasso nero
vernice spray, varechina
scintille, bitume, diserbanti, veleni
e curcuma
mafia cinese e nigeriana
e sacrifici africani
con cadaveri squartati
e gente senz’arte né parte
che vivacchia
pretende l’elemosina
coi cappelli nike
questo mondo finirà
non so in che memoria digiuna
se resetterà in un hard disk
o squasserà dall’interno
come un corpo celeste
che ha finito di incendiare se stesso
per tornare campi e terra da amare
o terra arida battuta e salata

ma terminerà ed imploderà
ai piedi della grande statua della libertà
in un immane storico bombardamento a tappeto
d’uranio impoverito.
viva i volenterosi democratici
tolleranti e laici
viva la città di ferro e cemento
ferma agli anni ’60
incenerita d’arroganza
e noncuranza. urla
della politica muta
e dagli ipocriti figli di nulla
e sacchetti per la spesa
che seguono.

Un pensiero riguardo “città

Parole, parole, parole:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...