annoso

di yoklux

ho notato lo spaesamento
la tortura metodica
il furore rapito dalla noia.
s’accendono lumi
altri si spengono-
l’ambiente decade
il cielo rosso
non di vulcano
ma d’umana mano
imprevedibili silenzi
non scalfiranno l’infinito
neppure un richiamo:
un’era è sulla terra
miliardi di testimonianze
spiccioli nel conto finale.
e noi un passaggio
sempre a far di calcolo
come ragionieri.

Annunci