#

di yoklux

non ho più paura del buio
ma della luce del giorno
di quel che mi viene chiesto di fare
dalle nove alle diciotto
otto ore se va bene
ho terrore del nuovo reality
della musica nei grandi magazzini
dei maschietti che si baciano
e sculettano come fighe mancate
delle ragazze che si tatuano il corpo
capelli fucsia, fanno un figlio, poi si lasciano
e comprano un molossoide d’80 kg
perché si sentono sole davanti alle televisione
ho paura della coca che scorre a fiumi
nei bagni (non si piscia più nei cessi dei locali)
ho paura che tutta questa libertà sia non averne più una
e ho paura del mio sguardo sarcastico, freddo
che vola algido tra le colonne infernali della periferia
di cristallo, cemento, acciaio e azzardo
ma in realtà me ne sbatto il cazzo
che si fottano tutti
ognuno muore non perché lo vuole.

Annunci