amore per te

eri come un alieno
venuto dal caldo
per riscaldarmi
e cedermi il passo.

eri quieta ma non troppo
venivi col cuore in mano
ed io lo prendevo con dedizione.
poi s’allacciarono le arterie
le vene in un complesso

lungo intervento ch’avviluppava
come un tiepido vento -chirurghi
io e te, a tratti invertiti ruoli
divertenti amorevoli equilibristi.

quando l’operazione
termina l’anima è sola
apici gli sguardi – lì forse
l’amore. nel vitreo umore.

Parole, parole, parole:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...