*

è finito il lavoro
e la politica sceglie
un oceano di diversivi
non è più futuribile

il presente è un conto corrente
e si fa un quarto d’ora alla volta
la celebrità ha un peso a fine mese
la femminilità è nudo senza maternità

devi essere per forza diverso
solo che tutti lo sono
alla fine è tutto un blob
rumore rosa indistinto

una ruota di spettacolo
solo che dietro le quinte
ci stanno gli stessi di 100 anni fa
e hanno l’anima spenta

qualcuno vince al gioco
i più strisciano per strada
e non vedono l’alba
si legge per sognare

ma si legge poco
io leggo
ma mi interessa solo
la sporca sudicia realtà

non mi piace sognare
lo trovo stupido
ho bisogno di terra ch’inzuppi le vesti
l’uomo è un passo falso.

Una risposta a "*"

Parole, parole, parole:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...