Trilogia per una rapida erezione (tre neglette per i tempi di crisi fatte per turbare solo gli imbecilli)

.

Black power

Andai con quella zoccoletta di strada
per fame e lussuria e perché ce l’aveva stretta
come una crepa nei campi d’estate
lei poi appena d’umida palta
come la pece nera -di notte
potevo solo percepirla intatta
dalla sfilata dei denti smaglianti luminosi
sorriso dipinto su tela Rothko
o quadro nel quadro di Dalì
o multiplo Velázquez
insomma avevo voglia
d’intingere il pennello
e le black mi facevano
scoppiare le vene proprio lì
in mezzo alle gambe
tutto un mondo pulsava
e sbavava (allora pensavo
molto col cazzo, decideva per me
e lo lasciavo fare da inesausto prode cazzone)
poi una notte da solo davanti alla tv
incominciai a grattarmi frenetico laggiù
dove il sole non batte ed il cervello sbatte:
lei bella calda e giovane africana
venuta nel bel paese per cercar fortuna
aveva alfine donato a me qualcosa di sé
allo spregevole colonizzatore schiavista
qualcosa di tribale nomade ancestrale
invisibile, insinuante, assai pruriginoso.
Insidioso. Una infatuazione nasce a volte
con errati presupposti
ed un terzo incomodo
che non fa da garante.
Mi ritrovai inerme a grattarmi.
Occidentale invaso.

*

I porcini e le porcelle

Agosto è il mese porco
frotte di tribadi e bardassi
mano nella mano
folleggiano cicale
fin le piccole ore
sconfinato il sapore
della perversione
eccitata trasgressione.
Libertà percepita
enorme, illimitata
grassa, ma sbiadita
come una moda ritorta
scontata. Si scambia
l’amore universale
per la mancata
filiazione, libertà.
Il contromano
dei nuovi liberi
è l’eterno buio
estremo interiore baco
soliloquio d’anima
merce del mercato.
Vivono grassi
per estinguersi
una lussuriosa stagione
per un’illusoria finale
patriarcale guarigione.
Canta, canta pure cicala
giostra, godi e pavoneggia
giunge poi gelido inverno.

*

Zoccole a cena

Si vede che è estate piena
nella posta non arrivano più
mail da troie con foto estrapolate
chissà da dove

(nemmeno mail sull’allungamento del pene
pillole azzurre e phishing)

son tutte innamorate di me
eccitatissime e bagnate
e mi vogliono sposare
sono l’uomo della loro vita
sono dolci
e romantiche
e bellissime
almeno in foto
penso che là
dovunque sia
c’è un bel maschione
in cerca di soldi facili
(vorrà una mia foto
mentre mi masturbo
poi
mi estorcerà 10.000 euro
minacciandomi di divulgare le mie grazie)
è tutto spam
è tutto sperma
perciò sogno una lunghissima estenuante sega
perché le vorrei tutte ai miei piedi
schiave vergini goderecce
belle giovani sode perverse
fantasiose ed instancabili
(non urlanti
le sceneggiate non mi piacciono, mai)
ma al massimo
per 5 minuti
il tempo di venire
non assieme
io solo

avere il senso della vita
nell`attimo inutile
tutto sudato
sudicio quasi morto
e stanco
e rivenuto
e spremuto
sbattuto
prosciugato
smembrato
disarticolato.
Mi piacciono molto
le zoccole
perché ognuno poi
se ne torna a casa sua
trascinando le sue carni deboli
e tutti sono soddisfatti.
Sono un romantico
o almeno un tempo
mi eccitavano:
ora sono una persona educata
a modo. Ho prosciugato il bluff.
Sono per la pace
dei sensi. La lettura.
La poesia. Le cicale.
Mozart. Puccini.
I colori pastello.
I tramonti.
Un acquerello.

4 pensieri riguardo “Trilogia per una rapida erezione (tre neglette per i tempi di crisi fatte per turbare solo gli imbecilli)

Parole, parole, parole:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...