poesia yoklux

Luca Parenti, poeta a tratti. La poesia non è un museo delle cere e non è un pranzo di gala.

Tag: strada

*

vicino il tramonto
l’alba lontana
tu vieni con occhi
io vengo col cuore
ci troveremo
a metà strada
con desideri
e parole?
amenità varie
senso, storie?
tutti i viaggi
contengono memorie
che sian tortuosi o lineari
siam nati bene o male
per trovarci
siam nati bene o male
per provarci.

Annunci

l’ombra e la strada

ho incontrato ancora la mia ombra a mezzodì

camminando con calma e sangue freddo

come al solito, senza pensiero d’altro

giù per la stradina che porta solo a casa

forse alla gentilezza, alla bontà d’animo

e a qualcos’altro che potrebbe…

ho cotto quattro patate sole col sale

il gatto miagolava sotto, a lato,  cercando padrone,

l’amplificatore a valvole autocostruito bofonchiava

chiaramente per portarmi su un altro pianeta,

ma sono sempre io lo sconosciuto

che si scandaglia in altri quattro versi

ed alcuni sospiri, che se ne sta tutto il giorno a casa

senza un pensiero o troppi per metterli sulla bianca pagina:

non c’è nessuna differenza sostanziale tra l’essere qui seduto e tranquillo

ed esserlo là fuori con gli occhiali da sole, la fierezza del confronto, l’approccio

disincantato e diretto, allontanato da pensionati sdentatai ed incattiviti o indifferenti

attendono la svolta sulla panchina vicino al laghetto stipato di carpe abnormi,

senza un nome come non ce l’ho qui nella musica, tra i libri, il mirtillo e le more

nella creanza lucida dell’abitudine… il gatto miagola ancora a lato,

io non calo più dalla stradina, non sono più idea

sono già dietro la porta come un testimone di una religione qualunque

faccio l’occhiolino, immagino… non decido,

non mi conoscete veramente e perciò non mi avrete.

mai.

diversi i giochi

raggiunto dal sole

accecante

Leggi il seguito di questo post »

legami potenti

c’è la bruta forza muscolare

che spiana la strada ai sentimenti

ed una forza molecolare ch’allontana

e attrae a seconda che il fiore del tuo viso

sia ambra o inchiostro nero d’infuocato polpo.

questa natura magnetica che studia

i movimenti, li appiana come un magistrale

mattarello d’azdora, li amplifica come un corno da caccia

intonante cuciture e legami chimici furenti, milioni.

così la rete tra simili fa come la spugna e la lamina:

si stende, diviene silenziosa, discreta,

ma violenta, mutua reale realtà intramolecolare.

senza coscienza

lontani cento mille

Leggi il seguito di questo post »

La dimora del tempo sospeso

Non potendo cantare il mondo che lo escluse, Reb Stein cominciò a leggerlo nel canto.

amilgaquasino

A.A.A. Cercasi (un modo vecchio come il mondo per mettersi sul mercato)

Sogno Diurno

(la poesia è sogno diurno)

prima dei tasti sul cuore

Il territorio dell'agire poetico

Neobar

"Noi non siamo mai esistiti, la verità sono queste forme nella sommità dei cieli." Pasolini

contro analisi

il blog di Francesco Erspamer

Rosa Frullo

Rosa Frullo. Un poeta e un filosofo tra Spleen e Masochismo

Angela Francia

LA DITTATURA PERFETTA AVRA' LA SEMBIANZA DI UNA DEMOCRAZIA, UNA PRIGIONE SENZA MURI NELLA QUALE I PRIGIONIERI NON SOGNERANNO MAI DI FUGGIRE. UN SISTEMA DI SCHIAVITU' DOVE, GRAZIE AL CONSUMO E AL DIVERTIMENTO, GLI SCHIAVI AMERANNO LA LORO SCHIAVITU.

formavera

rivista di poesia e poetica

Non di questo mondo

Nel mio taschino c'è tutto quello che va conservato per non andar perduto.

Michelangelo Buonarroti è tornato

Non ce la fo' più a star zitto

Un cielo vispo di stelle

di Paolo Beretta

Memorabilia

Mille sono i modi di viaggiare, altrettanti quelli di raccontare.

sibillla5

forse poesia

scritture immaginali

blog di Giovanni Baldaccini

Paolo Valesio

A Plurilingual Site for Creativity and Criticism

salone del lutto

«Se tutti moriamo o ci perdiamo è perché il meccanismo del mondo si basa sull'estinzione e sulla perdita».

STEREONOMONO

Classic Audio and High Fidelity

Musica & Musicologia

Musicista non è chi solo suona ma chi anche pensa in musica

Nodi.Arsi.Sotto.La.Pelle

Essere altrove da memoria trafitta / come nube leggera di gravità arresa . / Essere pensiero bisbigliante e concavo / di pace bramosa in stallo fra le risposte. ©Runa

amina narimi

..con la fragilità che io immagino degli angeli quando spostano tra i fiori un buio d'aria

LIMINA MUNDI

Per l'alto mare aperto

Versante Ripido

Fanzine online per la diffusione della poesia

mezzaginestra

Cultura? Pop e piano, sir.

V E R S O - spazio letterario indipendente

letteratura contemporanea e sperimentale, spazio dedicato alla ricerca e alle novità stilistiche

Marco G. Maggi - Nuova Itaca

Se dall’onda del pensiero riaffiora qualche indizio riportami voce nei luoghi immemori dove nacque l'idea

Cultura Oltre

Rivista culturale on line

'twas my dog, babe

All'infuori di quel che manca, poi c'è tutto.

alessandrasolina

il mondo non è tondo

Zonadidisagio

Il blog di Nicola Vacca

Musica classica ieri e oggi

La qualità viene prima dell'esistenza stessa.

Controvento

“La lettura della poesia è un atto anarchico” Hans M. Enzensberger

Poesia Ultracontemporanea

Un'antologia permanente a cura di Sonia Caporossi

Assolo di poesia

Luca Parenti, poeta a tratti. La poesia non è un museo delle cere e non è un pranzo di gala.

Moll(am)y

Costringimi, ma lasciami andare. Vieni anche tu, se no faccio da sola!

Di poche foglie

Just another WordPress.com site

Mozart minore

La grande musica poco nota - das ist der dumste Brief den ich in meinem leben geschrieben habe; aber für Sie ist er Just recht.

Precaria

Una verità e una bugia usano la lingua allo stesso modo. Tutto porta a una scelta.

arcopoesia

Poesia trentina e non solo

Circolo16

Laboratorio di Scrittura libera poesia e narrativa

FRANZ

un navigatore cortese

Un'anima e tre ali - Il blog di Paolo Statuti

Just another WordPress.com site

blackamara

Just another WordPress.com site

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: