poesia yoklux

Luca Parenti, poeta a tratti. La poesia non è un museo delle cere e non è un pranzo di gala.

Mese: ottobre, 2015

quadretto di periferia in un interno

che silenzio tra gli alberi

qualche eco di spettacolo

o partita di calcio, è una pace

strumentale di cemento

asfalto e scarichi. non è buono

il tempo, ciò non aiuta

ma il silenzio sordo

è già un peso, morde.

c’è stagione per ogni cosa

dicono: ma oggi sussurrano

e scalpitano annullandosi, deglutendo.

la bruttezza ha avuto anche questo seguito:

disimparare altezze e palpiti.

Annunci

ermetismo

l’aereo supersonico lentamente riga il cielo

anche il pensiero vola, dista.

dopo di te la fila s’interrompe

ed incominciano i barattoli colorati

tentazioni e desideri. giusto

questa notte c’hai pensato:

alla gente, al tempo perso in coda

aspettando. non hai trovato

una soluzione pratica, ti sei

nuovamente ingannato ed impratichito

nello sguardo assente.

chilometri e chilometri

di corpi sconosciuti

ed nel rifletterlo su te stesso

hai perso altro tempo prezioso:

i poveri non hanno mai

abbastanza tempo

ma quante code aspettano loro

come cani affamati.

caporalato

d’accordo è un ricordo

sempre e solo

menar can per l’aia

divien aborto:

liposuzione di senso

e azione: due punti

e a capo

verosimilmente

solo mano

senza capo.

probabilmente

dilemma al quadrato.

senza tetto

domandami chi sono

non lasciarmi andare:

sono tutte particelle e atomi

leggeri e materia oscura ed il bosone

di x, y e zeta; sono stato e sono

andato. accarezzami il viso e

non invidiarmi: mi deprimo e

mi sconvolgo della mia fallibilità clownesca

con le mia mani fabbrico il dolore

ma il dolore è la mia sciarpa

(il mal di gola ci fa tutti uguali

e lo siamo, giuro). domandami chi sono

finalmente, non lasciarmi andare via.

chirurgia plastica

invadenza l’apparenza:

sembrare ciò che non si è

lo sport più estremo

più diffuso, oltre l’abuso

dell’uso: come la plastica

isole si creano nell’azzurro

arcipelaghi: dopo il primo

l’oblio e poi forse dio.

giochi di luce

mi son dato

la svolta

quella volta

che no ero in me

facevo il re

valevo per tre:

l’ego è un pallone aerostatico

più ti sollevi

più la macchina fotografica

si stacca

dai tre piedi

e così infine non vedi

non senti non credi

un carro armato

poco amato.

reietti

i reietti sono dove meno

te l’aspetti, son come gli oggetti:

li prendi qui, li metti là

e viceversa, come rimestar la minestra.

ci fai proclami, affondi gli ami,

fai programmi e poi dopo le statistiche

dopo le fiere, gli abusi delle tv,

l’enfasi della scienza, affondano nella nebbia,

infiniti fantasmi della buona coscienza.

gettoni

a ragione

Leggi il seguito di questo post »

buggeratura

democrazia, libertà, diritto di cronaca:

Leggi il seguito di questo post »

sensazione del nulla

non so dirti se sia meglio stare in silenzio

Leggi il seguito di questo post »

cinicittà

in parole povere:

Leggi il seguito di questo post »

Quanto basta...

Riflettere, condividere pensieri. Senza esagerare. Quanto basta...

UNO STRANO POETA

Quando la poesia incontra la vita di un ragazzo

Giuditta Michelangeli (tra versi e prosa)

Scrivo per passione e per noia, scrivo per passione annoiata. Lo pseudonimo è uno strumento ed è confusione, è uno strumento per confondersi. ("Sii sempre un poeta, anche facendo prosa.” - C. Baudelaire)

Unterwegs

In cammino

sovrasenso bisbigliato

"quando ti sono postuma ti ritrai negando il nesso tra suono e pensiero pensato." (Anna62)

Brezza d'essenza

Quando scrivo dimentico che esisto, ma ricordo chi sono.

ilcollomozzo

FU ALL'INIZIO UNO STUDIO. SCRIVEVO SILENZI, NOTTI, SEGNAVO L'INESPRIMIBILE. FISSAVO VERTIGINI. A. R.

Parole & Carriole

Poesie D'Amore e Trucioli Di Libertà

amilgaquasino

A.A.A. Cercasi (un modo vecchio come il mondo per mettersi sul mercato)

Sogno Diurno

(la poesia è sogno diurno)

Neobar

"Noi non siamo mai esistiti, la verità sono queste forme nella sommità dei cieli." Pasolini

contro analisi

il blog di Francesco Erspamer

Rosa Frullo

Rosa Frullo. Un poeta e un filosofo tra Spleen e Masochismo

Angela Francia

LA DITTATURA PERFETTA AVRA' LA SEMBIANZA DI UNA DEMOCRAZIA, UNA PRIGIONE SENZA MURI NELLA QUALE I PRIGIONIERI NON SOGNERANNO MAI DI FUGGIRE. UN SISTEMA DI SCHIAVITU' DOVE, GRAZIE AL CONSUMO E AL DIVERTIMENTO, GLI SCHIAVI AMERANNO LA LORO SCHIAVITU.

formavera

rivista di poesia e poetica

Non di questo mondo

Nel mio taschino c'è tutto quello che va conservato per non andar perduto.

Michelangelo Buonarroti è tornato

Non ce la fo' più a star zitto

Un cielo vispo di stelle

tentativi di prosa e di poesia

Memorabilia

Mille sono i modi di viaggiare, altrettanti quelli di raccontare.

sibillla5

forse poesia

scritture immaginali

blog di Giovanni Baldaccini

Paolo Valesio

A Plurilingual Site for Creativity and Criticism

salone del lutto

«Se tutti moriamo o ci perdiamo è perché il meccanismo del mondo si basa sull'estinzione e sulla perdita».

STEREONOMONO

Classic Audio and High Fidelity

Musica & Musicologia

Musicista non è chi solo suona ma chi anche pensa in musica

Irene Rapelli's writing

(Il cielo stellato dentro di me)

LIMINA MUNDI

Per l'alto mare aperto

Versante Ripido

Fanzine online per la diffusione della poesia

mezzaginestra

Cultura? Pop e piano, sir.

Cultura Oltre

Rivista culturale on line

'twas my dog, babe

All'infuori di quel che manca, poi c'è tutto.

alessandrasolina

il mondo non è tondo

Zonadidisagio

Il blog di Nicola Vacca

Musica classica ieri e oggi

La qualità viene prima dell'esistenza stessa.

Controvento

“La lettura della poesia è un atto anarchico” Hans M. Enzensberger

Poesia Ultracontemporanea

Un'antologia permanente a cura di Sonia Caporossi

Assolo di poesia

Luca Parenti, poeta a tratti. La poesia non è un museo delle cere e non è un pranzo di gala.

Moll(am)y

Costringimi, ma lasciami andare. Vieni anche tu, se no faccio da sola!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: