"poesia" yoklux

Luca Parenti, poeta a tratti. La poesia non è un museo delle cere e non è un pranzo di gala.

Mese: febbraio, 2016

imponderabile

non esisto più nello sguardo tuo
nebbie e fantasmi. eppure
sono tuo soltanto e anche solo una nota
a margine. manteniamo la promessa:
che sia gioia perdutamente.

Annunci

ehi, una volta sola parlerò d’amore

hai lasciato le tue ali in cucina

amore, sui fornelli

dell’antica stufa.

non c’è scampo:

solo al principio

dee lievitanti

palloni aerostatici

di cuori ingordi, maturi-

combuste nel crematorio

delle incomunicabilità

delle immaginifiche banalità.

idee riposte ed implose

in pace dei sensi, altre

in poche, poche cose.

amore

nella tua ricerca

del fuoco, hai trovato

l’incandescenza vera

con la luce bianca, neutra

delle sconfitte arbitrarie,

irrisolti poemi, sfratti.

amore ingordo

bulimico comandante

analcolico.

perpetuum mobile

per me sei sempre ciò
che sei stata:
sostanza non cambia
come squadra che vince.
eppure capita la sera
in cui la scommessa è perdente:
basta un briciolo
di nonsense
un concatenamento di ridicole
e supposizioni
che si spezzi l’equilibrio
la corda si tenda
poi hai voglia
di scuse, recriminazioni, aberrazioni:
evanescenti impertinenti
si tagliano le azioni
quando son solo pensieri, gretti.
tienili per un tempo di rinascita quei pensieri
vai a fare la lavatrice
lavali mondali stirali stendili
ultimi screzi sedimentali
nei passati petali
del m’ama non m’ama. m’ama,certo.
la supposizione non è creato
è femmina, lunatica con le poppe!
tu, maschio disgraziato
infatuato conclamato.

perentorio

due vite già vissute
tessono rugiada
come se il cielo fosse terra
radici i pensieri.
le maree giovani
passionarie onde anomale
un ricreato sentire
incendiano e sparigliano:
noti sono i giochi
intuizioni e sospiri
pure. ma con rinnovato
fulgore tutto appare, di rigore. ammaliatore.

buone carte

nell’intimo chiarore
s’impenna il cenno
di stupore. si chiama gioia
non nel lamento, eversione. è ricordarsi
sempre da dove
si viene. e dove si va.

sensibilità

non si spegne la vita nel clamor
o per acceder s’ usa la spinta.
è la vitalità nel rumor di rami
nel chiaror di luna. e poi buio
ma mai troppo. che non occulti.

reddito

chiama la stanchezza la sera
e una delusione sottile
che esce per il tempo dal tempo morto.
scricchiola la schiena
piegata in un arco disattento
alla natura. e non ci volere male
se non cantiamo lodi sperticate
al lavoro non sociale
piuttosto reddito banale.

supposizioni

una mela non è mai mela
se la si guarda da lontano, come qualsiasi.
ed il mio sguardo sul tuo
e i tramezzi, le colonne e i controsoffitti
e tutto ciò che nasconde la verità
presunta ed il contrario: mai
ciò che sembra, mai. oppure sì. oppure credimi.

dualità

mi riempi di baci
potremmo poi esser distanti
mi strapazzi
poi ridiam come pazzi infoiati
tu mi stringi
io ti pizzico
tu mi dici
io ti dico

tu mi sfidi

io ti credo
poi le parole tutte
non servono ad un fico:
sfiorarti la carne
ecco la vera arte
dell’amante.
poi mi dici non affranta
ora è finita:
come dura poco
un bellissimo gioco
che saprebbe di dopo.

sera nebbiosa

sono seduto, tu non guardi
il tempo passa, sto cercando qualcosa, ma non ricordo cosa. i vicini
stanno ancora sbattendo sui muri vecchi
è un lavorio incessante
anche nel silenzio poi.
si provvede agli antenati
mettendo al mondo nuove creature
non c’è una vera fuga dal reale:
le porte si chiudono lente
il mare è lontano
anche la montagna: di realtà
si può morire.

SUSSUKANDOM

punk blog, situazioni ed altre porcherie contro ignoti senza spirito

CONCORSO NAZIONALE UN MONTE DI POESIA

CONCORSO NAZIONALE UN MONTE DI POESIA - poesia in terra d'Amiata -notizie sul bando e archivi poesie premiate

Francesca Dono ilgrovigliodeirampicanti

al poeta l'ignoto e un'ombra nascosta in ogni stanza

LIMBRANAUTA

Il Funerale della Letteratura!

Pino Soprano

La neutralità favorisce sempre l'oppressore, non la vittima. Il silenzio incoraggia sempre il torturatore, non il torturato.

CRITICA IMPURA

LETTERATURA, FILOSOFIA, ARTE E CRITICA GLOBALE

"...e poi Letteratura e Politica"

La specie si odia. E mi permetto di aggiungere: "A volte di coppie non si può parlare, ma d'amore sì; altre volte di coppie sì, ma non d'amore, e è il caso un po' più ordinario". R. Musil, 'L'uomo senza qualità', Ed. Einaudi, 1996, p. 1386. Ah, a proposito di 'relazioni': SE APRI IL TUO CUORE SI TRATTA DI AMICIZIA. SE APRI LE GAMBE SI TRATTA DI SESSO. SE APRI ENTRAMBI E' AMORE

I lacci che legano

Vivi le domande ora

bogpan - блог за авторска поезия

блог за авторска поезия

Marco G. Maggi - Nuova Itaca

Se dall’onda del pensiero riaffiora qualche indizio riportami voce nei luoghi immemori dove nacque l'idea

Quanto basta...

Riflettere, condividere pensieri. Senza esagerare. Quanto basta...

UNO STRANO POETA

Quando la poesia incontra la vita di un ragazzo

Alexandra Bastari

Scrivo per passione e per noia, scrivo per passione annoiata.

Unterwegs

In cammino

Intermittenze

"Ti lascio una cosa, una prosa, una tentazione, un'occasione, uno scampo di dolore, un ammutinamento,, un'eutanasia preventiva non ancora necessaria "

Brezza d'essenza

Quando scrivo dimentico che esisto, ma ricordo chi sono.

ilcollomozzo

FU ALL'INIZIO UNO STUDIO. SCRIVEVO SILENZI, NOTTI, SEGNAVO L'INESPRIMIBILE. FISSAVO VERTIGINI. A. R.

Parole & Carriole

Poesie D'Amore e Trucioli Di Libertà

amilgaquasino

A.A.A. Cercasi (un modo vecchio come il mondo per mettersi sul mercato)

Sogno Diurno

(la poesia è sogno diurno)

Neobar

"Noi non siamo mai esistiti, la verità sono queste forme nella sommità dei cieli." Pasolini

contro analisi

il blog di Francesco Erspamer

Rosa Frullo

Rosa Frullo. Un poeta e un filosofo tra Spleen e Masochismo

Angela Francia

LA DITTATURA PERFETTA AVRA' LA SEMBIANZA DI UNA DEMOCRAZIA, UNA PRIGIONE SENZA MURI NELLA QUALE I PRIGIONIERI NON SOGNERANNO MAI DI FUGGIRE. UN SISTEMA DI SCHIAVITU' DOVE, GRAZIE AL CONSUMO E AL DIVERTIMENTO, GLI SCHIAVI AMERANNO LA LORO SCHIAVITU.

formavera

rivista di poesia e poetica

Non di questo mondo

Nel mio taschino c'è tutto quello che va conservato per non andar perduto.

Michelangelo Buonarroti è tornato

Non ce la fo' più a star zitto

Un cielo vispo di stelle

tentativi di prosa e di poesia

Memorabilia

Mille sono i modi di viaggiare, altrettanti quelli di raccontare.

sibillla5

forse poesia

Paolo Valesio

A Plurilingual Site for Creativity and Criticism

salone del lutto

«Se tutti moriamo o ci perdiamo è perché il meccanismo del mondo si basa sull'estinzione e sulla perdita».

STEREONOMONO

Classic Audio and High Fidelity

Musica & Musicologia

Musicista non è chi solo suona ma chi anche pensa in musica

Irene Rapelli's writing

(Il cielo stellato dentro di me)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: