poesia yoklux

Luca Parenti, poeta a tratti. La poesia non è un museo delle cere e non è un pranzo di gala.

Mese: marzo, 2017

la malattia

strazia la malattia, tu ed attorno
per induzione i tuoi cari.
più maldestro ti fa, vizzo
irriconoscibile corpo opaco.
quando in mente mi sovviene
vivida come il giallo colore
corpo del padre mio terminale
piccolo, emaciato sul letto sfatto,
allora intendo veramente
il passaggio controverso
sulla terra: quanto dolore.
la tempesta, i petali e qualche approdo.

Annunci

poesia

non ti rincorro
m’accorgo d’esser fermo.
nessuna frenesia nessun colore
il vivo è spento. la mattina
al lavoro. il pomeriggio
è ricordarsi d’una sera
a misura d’uomo.
risalendo il fiume
come il salmone
che dove nato va a morire.

terminando

apro a volte piccole finestre e fuori
osservo: capto la falsità nelle linee
orizzontali e l’ingegno della verticalità
che l’uomo chiama dio. ma non viceversa.

laborioso

passerà la nottata nel più sordo
silenzio. la luce del sole
freddo nel cicaleccio appassirà
eppoi come col greto la siccità
sfioriran le gioie in qualche
stramba postura, come diniego.
è del lavoro la corrucciata fronte
vien detto anche sacrificio.

tempo al tempo

son per strada presto al mattino
non per scelta, per contraffazione
del sociale. libertà di liberarsi, questa
sì, libertà vera. di non incidere troppo
nel quieto vivere. l’esistenza
si paga cara, col proprio tempo.

che stai cercando

——————————————————-a Derek Walcott

non perfetto il gesto mio
nemmeno il respiro
il gioco del corpo
l’anemia che porta via
quella dell’anima scarica
dopo il lavoro
che altri arricchisce
non libera, no.
non perfetto
il mio gesticolio
ed il provar
negativo:
so
che speculando
troverò il buono, forse.
sol per questo
come slavina

non cedo.

 

punteggiatura sotto coltura

quante volte
la punteggiatura manca:
c’è la cavata
non il sostegno
c’è l’ortografia, il senso
il tratto bello
ma la punteggiatura latita.
eppoi il complemento c’è
il soggetto e l’oggetto
il sentimento protetto
nell’ortografico progetto.
è quando un piccolo singolo tratto
non è mai stato
il costrutto è sotto sfratto
il significato distrutto
come l’uomo solo, nel lutto
senza tutto.

come sono

sono come sono

come il cielo

la camera da letto

il dentifricio,

niente rimpianti.

non perfetto

e non mi puoi cambiare

forse scalfire

come succede alla dura pietra

plasmata dalle atmosfere

della terra anziana.

rassegnati e amami

e sopportami:

sono idea e suo contrario

nella mano o il nostro futuro

ed il trascorso

come la pergamena canto

distinguo come nel rifiuto.

blindati come acquari

ma con un cielo di stelle.

flessibili come binari.

fallibili come infanti

tutti, tutti quanti.

apocalisse tenera

come pane la mia casa rotonda

non ha spigoli come il mare

chiude ogni scontro nell’incontro

anche quando toglie aggiunge

è la mia casa

quando lontano sono

non sono più quel che ero

poco prima e poco dopo

altro e differente

sempre vincente

anche da perdente

ma nella mente

la mia casa ha solo un padrone

m’aspetta ogni sera

lontano dalla galera

che ci siam costruiti attorno

perdendo tempi e pezzi,

come una lenta

dentiera in balera.

disamorato annoiato

vuoi qualcosa

che è sempre di più

d`un nulla più una rosa.

che non ci piova:

non provarci

non saprei come starci.

sole sbarazzino

sole splendente

tanto indifferente

il mio vicino che s’improvvisa meccanico

il miagolio da sotto il tavolo

il giardino che rivive

chi l’avrebbe detto, eh.

chi aveva torto

avrà torto

lo stesso per chi aveva ragione

e questo sole splendente

lucente come un fredda cromatura

di una moto che non t’appartiene

sole potente

sole indifferente

sole cittadino.

notti scure

quando t’abbraccio ti straccio.

ogni sguardo è un bugiardo:

lasciami cavalcare l’onda

dell’alquanto. terribile

l’invisibile.

quale titolo?

i promettenti giovani nullafacenti
perché zuppi di promesse
perché incapaci al sacrificio
perché carne della nostra
perché. perché non servono

a niente le promesse

a nulla compiace la gioventù

dispiace al vertice

che disperde dall’apice

non serve più

colorare il tempo con la gioia

se i tempi marciano in pace

privi di sensi. distrazioni uniche

titoli dei giornali

televisivi battaglieri

politici inconcludenti

calcio pallone

emozioni nella globale rete a strascico

termina l’emozione

sempre più separati

perdenti. come i tempi.

La dimora del tempo sospeso

Non potendo cantare il mondo che lo escluse, Reb Stein cominciò a leggerlo nel canto.

amilgaquasino

A.A.A. Cercasi (un modo vecchio come il mondo per mettersi sul mercato)

Sogno Diurno

(la poesia è sogno diurno)

prima dei tasti sul cuore

Il territorio dell'agire poetico

Neobar

"Noi non siamo mai esistiti, la verità sono queste forme nella sommità dei cieli." Pasolini

contro analisi

il blog di Francesco Erspamer

Rosa Frullo

Rosa Frullo. Un poeta e un filosofo tra Spleen e Masochismo

Angela Francia

LA DITTATURA PERFETTA AVRA' LA SEMBIANZA DI UNA DEMOCRAZIA, UNA PRIGIONE SENZA MURI NELLA QUALE I PRIGIONIERI NON SOGNERANNO MAI DI FUGGIRE. UN SISTEMA DI SCHIAVITU' DOVE, GRAZIE AL CONSUMO E AL DIVERTIMENTO, GLI SCHIAVI AMERANNO LA LORO SCHIAVITU.

formavera

rivista di poesia e poetica

Non di questo mondo

Nel mio taschino c'è tutto quello che va conservato per non andar perduto.

Michelangelo Buonarroti è tornato

Non ce la fo' più a star zitto

Un cielo vispo di stelle

di Paolo Beretta

Memorabilia

Mille sono i modi di viaggiare, altrettanti quelli di raccontare.

sibillla5

forse poesia

scritture immaginali

blog di Giovanni Baldaccini

Paolo Valesio

A Plurilingual Site for Creativity and Criticism

salone del lutto

«Se tutti moriamo o ci perdiamo è perché il meccanismo del mondo si basa sull'estinzione e sulla perdita».

STEREONOMONO

Classic Audio and High Fidelity

Musica & Musicologia

Musicista non è chi solo suona ma chi anche pensa in musica

Nodi.Arsi.Sotto.La.Pelle

Essere altrove da memoria trafitta / come nube leggera di gravità arresa . / Essere pensiero bisbigliante e concavo / di pace bramosa in stallo fra le risposte. ©Runa

amina narimi

..con la fragilità che io immagino degli angeli quando spostano tra i fiori un buio d'aria

LIMINA MUNDI

Per l'alto mare aperto

Versante Ripido

Fanzine online per la diffusione della poesia

mezzaginestra

Cultura? Pop e piano, sir.

V E R S O - spazio letterario indipendente

letteratura contemporanea e sperimentale, spazio dedicato alla ricerca e alle novità stilistiche

Marco G. Maggi - Nuova Itaca

Se dall’onda del pensiero riaffiora qualche indizio riportami voce nei luoghi immemori dove nacque l'idea

Cultura Oltre

Rivista culturale on line

'twas my dog, babe

All'infuori di quel che manca, poi c'è tutto.

alessandrasolina

il mondo non è tondo

Zonadidisagio

Il blog di Nicola Vacca

Musica classica ieri e oggi

La qualità viene prima dell'esistenza stessa.

Controvento

“La lettura della poesia è un atto anarchico” Hans M. Enzensberger

Poesia Ultracontemporanea

Un'antologia permanente a cura di Sonia Caporossi

Assolo di poesia

Luca Parenti, poeta a tratti. La poesia non è un museo delle cere e non è un pranzo di gala.

Moll(am)y

Costringimi, ma lasciami andare. Vieni anche tu, se no faccio da sola!

Di poche foglie

Just another WordPress.com site

Mozart minore

La grande musica poco nota - das ist der dumste Brief den ich in meinem leben geschrieben habe; aber für Sie ist er Just recht.

Precaria

Una verità e una bugia usano la lingua allo stesso modo. Tutto porta a una scelta.

arcopoesia

Poesia trentina e non solo

Circolo16

Laboratorio di Scrittura libera poesia e narrativa

FRANZ

un navigatore cortese

Un'anima e tre ali - Il blog di Paolo Statuti

Just another WordPress.com site

blackamara

Just another WordPress.com site

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: