"poesia" yoklux

Luca Parenti, poeta a tratti. La poesia non è un museo delle cere e non è un pranzo di gala.

Mese: marzo, 2016

mansueto come una tigre affamata

non c’è un più
togli piuttosto come nell’ultimo Buonarroti
è il non finito che ispira il segreto
che traccia l’orgoglio latente
la massima serale, la magia.
dal cappello esce il trucco bello
come la strafiga la sera con gli amici
tutto tacchi, ombretto, capelli
e profumo numero cinque
e profumo e profumo
solo quello:
esclusivo come la prima scopata
ma assolutamente risaputo.
gira che ti rigira
la giornata durerà 24 ore
minuto più minuto meno
la rivoluzione sarà fatta
tra trecento
sessanta
cinque,

punto.

Annunci

pittura scura

ha scosso i rami
il temporale nella notte
e ha dato certezza:
la fotosintesi a venire.
il vivo sole successivo
ha chiuso il cerchio:
sopravvive
comunque
la vitalità
alla catastrofe
umana.

stillicidio

coglimi in fallo
in questo strano stallo:
è della libertà lo sballo
colto prima di darlo.
donarlo questo arbitrio
a chi poi? a chi mette
per prima il carro ai buoi?
o a chi tutto possiede
e più vuole, mai si siede?
e bulimico, emorragico sviene?
a chi sostiene
a chi detiene
a chi viene?
a chi inverte gli addendi
e poi se ne sta sull’attenti
privo di risultati
o con troppi.
io non so
non sostengo
non detengo
non posseggo
non conosco
non voglio che mi si interroghi
su questo maledetto tarlo
piuttosto voglio darlo
a chi non saprebbe neppure
aspettarlo
a chi vorrebbe amarlo. e via
e via,
via dicendo. il gioco
nell’attesa del fare
nel desiderare
e dopo, o prima
davvero non ricordo.
adesso ammorbo!

titoli, sottotitoli, editoriali

sono alla finestra
gli uccelli liberi
a spiare.
la notte
non è servita a sognare
così dormo ora
dai cinguettii promessi
cullato: mastichiamo tanto
per ritrovarci poche mosche
nella mano.
le mani che lavorano
e scrivono
che accarezzano un figlio
che impastano il pane
che salutano.
c’è il futuro
nelle mani:
lo attendo
occhi chiusi
alla finestra
gli uccelli liberi
a spiare.

borioso

lastricate le vie
d’intemperanti
giustizialisti calano
la sera le vanaglorie:
sono i fondamentali
a rendere predatore
non affamato l’uomo
misero ingrato scorticatore
che le danze abbiano principio
(non esclusa una fine col botto!).

tautologico

i silenzi importanti sono sempre seguiti
da grandi rumori e come le corse
nostre inciampano spesso nelle bagatelle
i nostri cuori stonano, non sempre
tracciano il coro armonico, le mani
son trafitte ed il caso avvolgono;
le carni inventate, coltivate
poi depredate. perdóno
in terra ed in cielo.

sineddoche

scontento nel portamento
via dicendo smarrendo:
ogni momento è buono
per caricarsi d’un dono.
e il dono è la gioventù
ma a lei forse
non pensi più.
allora il dono è nell’essere
e basta, pur nel ricordo.

atomicamente

parliamo di destrezza e manchevolezza
poi cambi argomento, arricciando labbra e temperamento.
ti sei immalinconito, intristito. le stupidaggini
danno al mento sempre un irreale alleggerimento: la realtà tuttavia
è così spaventosamente banale e sì, sciocca ed un po’ farlocca.
così si manca il bersaglio, anche volutamente.
così va conservata l’amicizia, come un bagaglio, contatto di pelle, sorriso.

SUSSUKANDOM

punk blog, situazioni ed altre porcherie contro ignoti senza spirito

CONCORSO NAZIONALE UN MONTE DI POESIA

CONCORSO NAZIONALE UN MONTE DI POESIA - poesia in terra d'Amiata -notizie sul bando e archivi poesie premiate

Francesca Dono ilgrovigliodeirampicanti

al poeta l'ignoto e un'ombra nascosta in ogni stanza

LIMBRANAUTA

Il Funerale della Letteratura!

Pino Soprano

La neutralità favorisce sempre l'oppressore, non la vittima. Il silenzio incoraggia sempre il torturatore, non il torturato.

CRITICA IMPURA

LETTERATURA, FILOSOFIA, ARTE E CRITICA GLOBALE

"...e poi Letteratura e Politica"

La specie si odia. E mi permetto di aggiungere: "A volte di coppie non si può parlare, ma d'amore sì; altre volte di coppie sì, ma non d'amore, e è il caso un po' più ordinario". R. Musil, 'L'uomo senza qualità', Ed. Einaudi, 1996, p. 1386. Ah, a proposito di 'relazioni': SE APRI IL TUO CUORE SI TRATTA DI AMICIZIA. SE APRI LE GAMBE SI TRATTA DI SESSO. SE APRI ENTRAMBI E' AMORE

I lacci che legano

Vivi le domande ora

bogpan - блог за авторска поезия

блог за авторска поезия

Marco G. Maggi - Nuova Itaca

Se dall’onda del pensiero riaffiora qualche indizio riportami voce nei luoghi immemori dove nacque l'idea

Quanto basta...

Riflettere, condividere pensieri. Senza esagerare. Quanto basta...

UNO STRANO POETA

Quando la poesia incontra la vita di un ragazzo

Alexandra Bastari

Scrivo per passione e per noia, scrivo per passione annoiata.

Unterwegs

In cammino

Intermittenze

"Ti lascio una cosa, una prosa, una tentazione, un'occasione, uno scampo di dolore, un ammutinamento,, un'eutanasia preventiva non ancora necessaria "

Brezza d'essenza

Quando scrivo dimentico che esisto, ma ricordo chi sono.

ilcollomozzo

FU ALL'INIZIO UNO STUDIO. SCRIVEVO SILENZI, NOTTI, SEGNAVO L'INESPRIMIBILE. FISSAVO VERTIGINI. A. R.

Parole & Carriole

Poesie D'Amore e Trucioli Di Libertà

amilgaquasino

A.A.A. Cercasi (un modo vecchio come il mondo per mettersi sul mercato)

Sogno Diurno

(la poesia è sogno diurno)

Neobar

"Noi non siamo mai esistiti, la verità sono queste forme nella sommità dei cieli." Pasolini

contro analisi

il blog di Francesco Erspamer

Rosa Frullo

Rosa Frullo. Un poeta e un filosofo tra Spleen e Masochismo

Angela Francia

LA DITTATURA PERFETTA AVRA' LA SEMBIANZA DI UNA DEMOCRAZIA, UNA PRIGIONE SENZA MURI NELLA QUALE I PRIGIONIERI NON SOGNERANNO MAI DI FUGGIRE. UN SISTEMA DI SCHIAVITU' DOVE, GRAZIE AL CONSUMO E AL DIVERTIMENTO, GLI SCHIAVI AMERANNO LA LORO SCHIAVITU.

formavera

rivista di poesia e poetica

Non di questo mondo

Nel mio taschino c'è tutto quello che va conservato per non andar perduto.

Michelangelo Buonarroti è tornato

Non ce la fo' più a star zitto

Un cielo vispo di stelle

tentativi di prosa e di poesia

Memorabilia

Mille sono i modi di viaggiare, altrettanti quelli di raccontare.

sibillla5

forse poesia

Paolo Valesio

A Plurilingual Site for Creativity and Criticism

salone del lutto

«Se tutti moriamo o ci perdiamo è perché il meccanismo del mondo si basa sull'estinzione e sulla perdita».

STEREONOMONO

Classic Audio and High Fidelity

Musica & Musicologia

Musicista non è chi solo suona ma chi anche pensa in musica

Irene Rapelli's writing

(Il cielo stellato dentro di me)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: